Regolamento rete LiSaCa - LISACA

Rete LiSaCa
"Noi Dirigenti della provincia di Salerno abbiamo sentito l'esigenza di costituirci come rete per affrontare problematiche lavorative quotidiane, ma, soprattutto, per puntare su qualcosa che ritenevamo imprescindibile per l'educazione e l'istruzione: la qualità dei saperi e delle competenze, la qualità d'aula, qualità delle procedure, qualità dell'universo scuola."
Rete LiSaCa
Vai ai contenuti
LiSaCa

 
REGOLAMENTO RETE LISACA
 
APPROVATO DALL’ASSEMBLEA IN DATA 5/10/16
 
 
PREMESSA
 
 
L’ I.C. San Tommaso D’Aquino di Salerno è stato individuato dal Consiglio Direttivo SIRQ – Marchio SAPERi-, in data 25 settembre 2015, quale scuola capofila relativamente a una rete di scuole per la qualità che operi in Campania.
 
Il 25 novembre 2015 è stato sottoscritto un accordo tra 30 scuole della Provincia di Salerno, per la costituzione della rete denominata “LISACA” (Liberi Saperi Campania) finalizzata alla promozione della qualità e del miglioramento del servizio scolastico. Tale accordo è stato successivamente aperto ad ulteriori adesioni, previa delibera dell’Assemblea.
 
La rete, dora in aventi indicata con l’acronimo LISACA ha sede presso la scuola capofila I.C. San Tommaso d’Aquino di Salerno in via N. Buonservizi 21.
 
Il Dirigente scolastico della scuola capofila, nelle more dell’approvazione del presente Regolamento, ha proceduto alla convocazione dell’Assemblea e alla esecuzione delle relative delibere.
 
 
Art 1
 
Finalità della RETE
 
LA finalità della rete è parte integrante dell’accordo siglato dalle scuole in data 25 novembre 2015 nota prot. 6169 C24.
 
 
Art 2
 
Presidente
 
Il Presidente è il Dirigente della scuola capofila.
 
Il Presidente convoca e presiede l’Assemblea dei legali rappresentanti e il Comitato di gestione, con invito via mail trasmesso almeno cinque giorni prima della riunione a tutti i componenti. In caso di urgenza, la convocazione può essere fatta con preavviso di due giorni lavorativi e con le formalità più opportune. In caso di assenza o impedimento del Presidente, l’Assemblea è convocata dal più anziano, per età, dei componenti del Comitato di gestione appositamente delegato. In caso di assenza o impedimento del Presidente, il Comitato è presieduto da uno dei componenti del Comitato di gestione appositamente delegato.
 
Il Presidente designa il Segretario dell’Assemblea e del Comitato, che ha la responsabilità delle verbalizzazioni.
 
Il Presidente può essere sostituito dal Vice presidente, ove impossibilitato.
 
Il Presidente ha la rappresentanza legale della RETE e predispone le azioni necessarie alla realizzazione degli obiettivi statutari, è responsabile dell’esecuzione delle delibere dell'Assemblea e del Comitato di gestione, mantiene i contatti con SIRQ nazionale, con le reti ad essa collegate e con gli enti esterni.
 
Il Presidente nomina e convoca le Commissioni di lavoro, senza particolari formalità, ogni volta che lo ritenga opportuno o necessario.
 
Sulla base dell’esperienza maturata, il Presidente, qualora non abbia più la rappresentanza dell’istituzione capofila, continuerà a collaborare alla rete, facendo parte di diritto del Comitato di gestione.
 
Qualora il Presidente dovesse rinunciare all’incarico o perdere la titolarità della scuola capofila, l’Assemblea provvederà alle opportune delibere con eventuale individuazione di altra scuola capofila a maggioranza qualificata.
 
 
Art.3
 
Assemblea
 
L’Assemblea è costituita dai legali rappresentanti delle singole istituzioni scolastiche della rete o da loro delegato, ed è validamente costituita alla presenza della metà più uno dei suddetti rappresentanti. L’Assemblea è convocata almeno due volte l’anno dal Presidente, presso una delle scuole della rete. Le decisioni sono prese a maggioranza dei presenti, salvo quando diversamente disposto dal presente Regolamento.
 
Esso ha i seguenti compiti:
 
 
ü  delibera a maggioranza qualificata dei 2/3 degli aventi diritto, le modifiche del Regolamento e l’eventuale scioglimento della rete;
 
ü  elegge il Comitato di gestione e, eventualmente, dispone la revoca per giusta causa dei componenti.
 
ü  Propone al Comitato di gestione azioni, iniziative, eventi, attività e quanto ritenga necessario alla realizzazione delle finalità della rete;
 
ü  approva le direttive programmatiche e generali di azione della rete
 
ü  approva annualmente l’ammontare della quota associativa proposta dal Comitato di gestione;
 
ü  approva il bilancio preventivo e quello consuntivo, e la relativa rendicontazione amministrativo/contabile
 
ü  delibera su tutte le questioni generali proposte dai soci
 
 
art.4
 
Comitato di gestione
 
Il Comitato di gestione è formato da un numero variabile di soggetti stabilito in Assemblea, da un minimo di tre ad un massimo di 5 (oltre al Presidente). I componenti del Comitato, eletti dall’Assemblea, durano in carica di tre anni. Alla scadenza del triennio i suoi membri possono essere rieletti. Se non è fatta richiesta dall’Assemblea, i membri del Comitato vengono automaticamente riconfermati.
 
Il Comitato si riunisce ogni qualvolta il Presidente lo ritenga opportuno o almeno un terzo dei suoi membri ne faccia richiesta. Delle riunioni del Comitato verrà redatto il relativo verbale. Per la validità delle deliberazioni occorre la maggioranza dei componenti. A parità di voti, il voto del Presidente vale doppio.
 
Il Comitato di gestione:
 
A)    coadiuva il Presidente nel dare esecuzione alle deliberazioni e agli indirizzi dettati dall’Assemblea, a tal fine promuove, pianifica e coordina le attività della RETE, prendendo le iniziative più opportune;
 
B)    assume le deliberazioni  necessarie, anche straordinarie, per la realizzazione delle finalità e dei programmi della rete, definendo forme, modi e tempi delle varie attività;
 
C)    propone le quote associative annuali e/o eventuali integrazioni
 
D)     predispone, con il Presidente, i bilanci e le relative rendicontazioni da presentare all’Assemblea;
 
E)     delibera in merito all’esclusione degli istituti aderenti, in caso di mancato versamento della quota di partecipazione o inadempienza dell’osservanza del Regolamento;
 
F)     elegge il Vice Presidente
   
 
Art.5
 
Commissioni di lavoro
 
Le Commissioni di lavoro vengono costituite in base alle esigenze della rete. Di esse possono far parte i Dirigenti o i docenti da essi individuati in base alle competenze, in relazione alle finalità della Commissione. Ciascuna Commissione, a maggioranza, individua al proprio interno un coordinatore. Possono essere costituite Commissioni per ogni obiettivo dell’accordo siglato, con particolare riguardo per la Qualità, per la ricerca, per l’organizzazione di eventi, la formazione, per i rapporti con gli enti esterni. I responsabili delle Commissioni di lavoro possono essere revocati e sostituiti dalla Commissione con le stesse procedure adottate per l’individuazione.
 
Le Commissioni supportano il Comitato di gestione elaborando materiali e promuovendo confronti e/o attività di ricerca /azione sulle tematiche indicate dal Comitato di gestione.
 
 
Art 6
 
Incarichi
 
Incarichi specifici di supporto agli Istituti della rete possono essere affidati a singole professionalità interne o esterne previa delibera del Comitato di gestione, con eventuale retribuzione a carico della rete.
 
 
Art 7
 
Risorse finanziare
 
Le risorse finanziarie sono costituite dai contributi versati da ogni singola istituzione scolastica della RETE, dalle quote di iscrizione e partecipazione alle attività promosse dalla rete LiSaCa da parte di soggetti esterni, sia singoli sia associazioni e/o Enti.
 
La rendicontazione amministrativo-contabile è affidata alla scuola capofila “IC San Tommaso d’Aquino”.
 
Alla scadenza del triennio 2015/18 o in caso di esaurimento dei fondi, su parere del Comitato di gestione e previa delibera dell’Assemblea a maggioranza dei presenti, le scuole verseranno 300 euro entro il 15 ottobre di ogni anno. Il mancato versamento della quota comporterà la decadenza della scuola, su proposta del Comitato di gestione.
 
 
Art 8
 
Durata della RETE
 
L’accordo di rete, con scadenza al 31 agosto 2018, si rinnova automaticamente per periodi triennali, qualora l’Assemblea non chieda lo scioglimento della rete.
 
 
Art 9
 
Rapporti con enti esterni
 
La rete, alla quale potranno liberamente aderire anche scuole non facenti parte della Regione Campania, potrà stabilire accordi con associazioni ed enti esterni su un piano di reciproca collaborazione.
 
 
 
 
Art.10
 
Oneri
 
La RETE si impegna a farsi carico delle spese di viaggio e di eventuale soggiorno relative alla partecipazione del Presidente, dei componenti del Comitato di gestione e di eventuali altri membri appositamente individuati dell’Assemblea ad eventi ed iniziative connessi agli obiettivi della RETE, nel limite di euro 2.000 annui, oltre alle spese per l’organizzazione e gestione di eventi promossi dalla RETE, comprese le colazioni di lavoro.
 
Il Dirigente Scolastico della scuola capofila è autorizzato ad emettere per conto della RETE gli atti di competenza per rimborsi spese, acquisti di materiali per iniziative di formazione, nomine, incarichi ad esperti e a rappresentare la RETE nei rapporti di natura giuridica che si instaurano in conseguenza alla gestione della RETE.
 
La RETE potrà organizzare convegni e programmi di formazione con la presenza di esperti e studiosi. Ad essi potranno aderire il personale del mondo della scuola ed i genitori. Qualora sia prevista quota di partecipazione all’evento, su indicazione del Comitato di gestione, il personale appartenente alle scuole in RETE sarà esonerato dal versamento della stessa.
 
Le iniziative della rete potranno essere finanziate o cofinanziate da sponsor individuati dal Comitato di gestione o dalle scuole aderenti.
 
 
Art.11
 
Diritto di recesso
 
Ciascun istituto ha diritto di recedere per il successivo anno scolastico comunicandolo formalmente al Presidente e al Comitato di gestione, almeno 60 giorni prima dell’inizio del successivo anno. Ove il recesso avvenisse prima o durante l’anno la quota già versata si intende non rimborsabile
 
 
Art 12
 
Pubblicità e trasparenza
 
In ottemperanza al principio della pubblicità e della trasparenza degli atti stabilito dalle norme vigenti il Presente regolamento è depositato agli atti delle istituzioni scolastiche, ad integrazione dell’accordo, ed è pubblicato sul sito web della rete (www.lisaca.it)  e sui singoli siti istituzionali delle scuole.
 
 
Art 13
 
Applicazione del Regolamento
 
Il presente Regolamento può essere modificato dall’Assemblea, su proposta del Presidente o del Comitato di gestione, con la maggioranza qualificata (2/3) degli aventi diritto. Se la modifica non è all’ordine del giorno non può essere messa a votazione.
 
Il presente Regolamento approvato dall’Assemblea della rete nella seduta del 5 ottobre 2016 (05/10/2016) resta in vigore fino all’adozione di altro sostitutivo, ed obbliga tutte le parti citate a vario titolo al rispetto di quanto in esso stabilito.
 
 





+39 328 1560558
Web Designer
Patrizia Bruno


patrizbruno@gmail.com
Rete LiSaCa - Salerno
Torna ai contenuti